Blogger spiaggiata

E quindi… Buongiorno dalla vostra blogger spiaggiata. O come direbbe la mia cara amica Marta: grassa, spiaggiata e senza stress. Ci siamo. 3 obiettivi raggiunti su 3.

Mentre il cane se la ronfa in camera con aria condizionata, io ho appena finito di fare il bagno e intanto che mi asciugo… bloggo. Certo che scrivere da casa, seppur con divano e ventilatore, e scrivere dalla sdraio in spiaggia, sono due cose profondamente diverse. Il caldo è veramente eccessivo anche qui, l’aria c’è ma è calda. Comunque, si sta davvero bene. E poi, cosa fondamentale per me… Scrivere guardando il mare. Non ha assolutamente paragoni.

Oggi sono contenta perché mi sono svegliata convinta che fosse giovedì e invece è mercoledì. Ottima notizia. Ma che schifo faccio con la gestione del calendario? Pessima veramente. Tipico dell’insegnante in vacanza comunque.

Motivo ben più importante, sono felice perché è il 2 agosto, anniversario del giorno in cui (16 anni fa) ho conosciuto mio marito. Ve ne ho già parlato, è stato il classico colpo di fulmine. Da libro, da film, da telenovela. Definitelo come preferite, per me è vita vera. Dal primo istante. Vera e meravigliosa. Non senza intoppi chiaramente, ma risolti insieme. Sempre. Oggi dunque si festeggia. Essendo qui, essendo insieme. Essendo noi.

Ora vi lascio perché, nell’ordine:

  1. Sto cuocendo
  2. Mi sono quasi asciugata
  3. Il pranzo ci aspetta

Buon pomeriggio bloggers e lettori.

A più tardi!!! Saluti spiaggiati a voi.

Arcobaleno in vacanza

I blog non vanno in vacanza. Ma io si.

Quindi buongiorno dalla mia vacanza al mare. Che è stata in forse fino all’ultimo per varie vicissitudini, ma è diventata realtà e io sto bene.

Le nostre vacanze

Siamo in un paesino tranquillo della riviera romagnola, dove non ci manca proprio nulla. Oggi ho fatto il primo bagno in mare della stagione. Bellissimo. Mi mancava molto e visto il periodo che ho passato (e che non è passato per niente in realtà) ho pensato che poteva essere il caso di cambiare un po’ aria; sono felice di vedere che sta funzionando.

IMG_20170730_191515 (2)

Le vacanze di Ronny

Il cane sta facendo anche lui le vacanze. Stamattina abbiamo trovato un’area cani, a poca distanza dall’hotel, dove ha potuto girare libero e tranquillo. Per fortuna quando siamo arrivati non c’erano altri cani, così lui ha potuto stare lì quanto ha voluto e girarsela per bene. Al ritorno lui è stato beatamente in camera sul letto con l’aria condizionata, cibo e acqua naturalmente a disposizione e noi siamo andati in spiaggia. Tutti felici quindi. Conoscendolo avrà passato la maggior parte del tempo dormendo beato. Mi piace vederlo in vacanza libero e tranquillo. E poi è bravissimo anche in giro, non è mai lui il primo che abbaia,cammina vicino a noi e fa il ruffiano prendendo coccole da tutti. Ecco qualche foto di lui all’area cani. Il padrone del mondo 😀😀😀.

Ora è qui che se la ronfa sul letto e credo che tra non molto farò la stessa fine. Alla prossima, buona giornata!!

IMG_20170731_144850 (2)

Ps: Mentre io scrivo questo articolo sul blog, mio marito sta scrivendo sul suo. A un certo punto dal nulla mi dice “Sei succo di lime?”

Io:”🤔🤔🤔 no, non sono succo di lime”

Invece si stava chiedendo ad alta voce la quantità da inserire nell’ultima ricetta (che potete leggere qui).

😂😂😂😂

Ciaoooooo!

Ernest e Celestine

Buonasera! La giornata volge al termine e io sto guardando “Il segreto”. Però… Vi racconto cosa ho comprato oggi a Scalo Milano.

Ivan cercava un quaderno per segnare le sue ricette (che potete trovare anche qui) quindi siamo andati alla Feltrinelli. Non c’era quello che cercavamo, allora ci siamo messi a curiosare un po’ tra gli scaffali. Siamo entrambi appassionati di libri per cui una Feltrinelli per noi è un luogo meraviglioso. Mentre sbirciavamo libri a caso qui e là, mi imbatto in un libro di Daniel Pennac. Eccolo.

Ci sono rimasta a bocca aperta. I nomi dei miei genitori sono Ernesto e Celestina. Non sono proprio nomi comunissimi, soprattutto forse quello della mamma, quindi trovarli così, insieme… Non me lo aspettavo proprio😍. Serve dire che l’ho comprato? Immagino di no. (Ormai un po’ mi conoscete.) È stato bellissimo. 😊 Comunque, non abbiamo trovato ciò che cercavamo quindi usciti dalla Feltrinelli siamo andati nel negozio della Moleskine.

Un altro luogo “difficile” in cui ci piace praticamente tutto. Qui naturalmente abbiamo trovato il quaderno per le ricette.

In più, anche grazie all’aiuto della commessa estremamente gentile, ho preso un quaderno per le foto dei viaggi. È bellissimo. Adesso che ho una macchina fotografica seria, mi piacerebbe tenere traccia dei nostri viaggi. Purtroppo non abbiamo la possibilità di viaggiare quanto vorremmo, però mi piace l’idea di conservare un ricordo anche cartaceo dei luoghi che più ci piacciono o che sono più significativi per noi. Personalmente ne ho già in mente almeno un paio che non potranno mancare. Ecco il mio fantastico acquisto.

In compenso non siamo andati al Motorock ma la giornata è stata perfetta così e inoltre stiamo comunque sentendo la musica e il rombo dei motori delle moto, basta tenere la finestra aperta… 😀😀😀. A parte tutto è un raduno con una piacevolissima atmosfera.

Bene, non mi resta che augurarvi una buona serata!! A domani!! 😘

Concerto abbaioso e altro…

Hello! Buon venerdì!

Rieccomi tra voi dopo una notte praticamente insonne. Non sono andata a letto troppo tardi anzi, molto prima di altre volte, eppure non riuscivo a dormire. Mi capitano spesso queste notti in cui, pur essendo stanca, comincio a pensare, ma anche senza volerlo, a determinate cose e il sonno… bam! Sparisce. Poi posso leggere o altro ma non torna. Finché prima o poi crollo, come ieri, che però erano quasi le 4. Dopo la mattina sono in coma, ma per forza!

paperino appena sveglio

Poi, a quest’ora, sarebbe anche il caso di mangiare qualcosa. In realtà non mi va anche perché essere a casa da sola non aiuta. So che a breve comincerà a venirmi quel senso di nausea da stomaco vuoto, così mettere insieme un “pranzo” (le virgolette sono doverose direi) risulterà ancora più complesso perché non ti va niente, ma in realtà appena inizi capisci che ti mangeresti qualsiasi cosa e rischi di ritrovarti così…

paperino grasso

Direi che non è il caso.

Parentesi: mentre scrivevo mi sono persa di vista l’orario e così non ho visto Beautiful.

download (1)

Da quando poi hanno anche spostato l’orario de “Il segreto” alle 18,45… In pratica mi sto perdendo tutto. 😦 Va beh, rimedierò.

Ah, una cosa, mi ricollego all’articolo di ieri. Alla fine ieri sera non ho letto. Oh, quel libro lì mi rema contro. E’ incredibile.download (6) Ma non l’avrà vinta lui. Assolutamente no, riuscirò a leggerlo tutto. Non è nemmeno troppo lungo in effetti, ma avendolo già cominciato da capo almeno tre volte… i tempi si allungano.

Ok, ora vado finalmente a mangiare qualcosa. Come sottofondo romantico… l’abbaiare del cane visto che ci sono le signore delle pulizie sulle scale. Meno male che la porta è ben chiusa ahahah. In più nel cortile interno c’è gente quindi i vari cani abbaiano e lui non è da meno. Una specie di concerto abbaioso.

download (7)

Ci risentiamo più tardi… a dopo!

Montagna, libri, moto, torte.

Ok, prima di crollare addormentata scrivo un po’. Mi piace la scrittura serale. Oggi è stata una giornata molto tranquilla nella prima parte, un po’ più “indaffarata” nella seconda.

Stamattina sono riuscita a dormire un po’, ma mi addormento sempre talmente tardi che l’effetto del sonno è in parte vanificato. Pazienza. Sono sempre stata un po’ by night, e poi la mattina non è mai ora di alzarsi. Così è anche in questo periodo anzi, soprattutto in questo periodo in cui non ho una sveglia puntata al mattino. Con la scusa del “tanto poi posso dormire” tiro tardi… E la mattina ho sonno.

Detto tra noi, dovrei anche riprendere a leggere; ora che ho tempo non lo faccio mai. Ho un libro sul comodino da mesi, non è da me. Non è affatto da me. Le prime tre volte che ho iniziato a leggerlo non ci ho capito niente e quindi lo piantavo lì il che, com’è noto, non aiuta nella comprensione. Poi, visto che avevo letto davvero poco, lo riprendevo da capo. Ma nulla. E dire che non è un trattato di fisica, è un romanzetto che ho pagato tre euro al mare l’anno scorso. Probabilmente l’ho iniziato nel periodo sbagliato. Comunque, qualche notte fa l’ho ripreso e… capivo mentre leggevo. Quindi stasera quando mi metto a letto andrò avanti.

Tornando a noi, dopo aver pranzato non ho fatto molto, il marito è andato a tagliare i capelli, così è ancora più bello, io nel frattempo ho stirato e… udite udite… sono anche riuscita a scottarmi con il vapore. Sono troppo la numero 1 eh? Fantastica. Va beh… Tornato lui siamo andati a ritirare la sua macchina dal meccanico, sí, di nuovo. Giusto per spendere qualcosina, se no non avrei saputo più dove mettere i soldi… 😒😒😒

Via di lì siamo passati da papà e poi a fare una breve spesina pro torta. Sabato abbiamo una cena e quindi ci siamo attrezzati per il dolce. Tra l’altro alla Bennet abbiamo incontrato le persone da cui andremo a mangiare perciò prima abbiamo chiacchierato un po’ tranquillamente, poi abbiamo fatto la spesa, sia noi che loro, cercando di mantenere segreto ciò che c’era nei rispettivi carrelli. Ahahahahah carino!

Finita la spesa siamo tornati a casa ed erano quasi le 20. Ops!

Dopo cena, ovviamente oltre ad aver scritto sul blog ovviamente, ho intenzione di cercare qualche posto per una minivacanzina in montagna che vorremmo fare in Agosto. Purtroppo non ne so molto avendo sempre preferito il mare, ma sto cercando e vediamo se viene fuori qualcosa di interessante. Naturalmente con il cane. Forse per me è scontato ma senza di lui non si va da nessuna parte.

mountain-landscape-196744_960_720

Prima di salutarvi una chicca… qui da noi è in corso il Motorock, un raduno motociclistico degli Hell’s Angel’s di Cremona. Ormai sono circa tre anni che lo fanno ed è davvero carino, molto probabilmente domani sera ci faremo un giretto.

Ok ora vi saluto augurandovi come sempre una buona notte!!!

Ps: Abbiamo visto oggi l’ultima puntata di The good wife. Non commento. Ora abbiamo iniziato un’altra serie. Ozark. Vi saprò dire. Baciiiii!

Festa del tortello

Oggi come vi ho detto abbiamo passato la giornata in casa con Ronny per vedere che stesse bene dopo la vaccinazione contro la leishmaniosi.

 

Tutto è andato per il meglio. Non si è gonfiato il musetto e nemmeno il punto in cui è stata fatta la puntura. Lui è stato tranquillo tutto il giorno, ha dormito ma ha anche giocato, per cui stava bene. Appurato questo abbiamo deciso di uscire a mangiare qualcosa.

In un paese del piacentino c’era una festa, la festa del tortello, che si tiene ogni anno a fine luglio. Ogni anno cerchiamo di andarci, preferibilmente evitando sabato e domenica.

Volevamo andare ieri ma poi non ne avevo voglia, avevo sonno, così abbiamo rimandato a oggi anche perché era l’ultima sera. Come al solito si mangia benissimo e, in più, si è anche alzata un po’ d’aria per cui anche il clima era perfetto.

Incredibilmente mi sono anche ricordata di mettere lo spray antizanzare quindi non mi hanno punta. In compenso c’era un’apetta che ha deciso di condividere con me le costine e va beh, erano sufficienti per entrambe. Mi ha fatto ridere che si è proprio messa sopra la carne e sembrava che mangiasse. 😀🐝

Al rientro una persona normale cosa farebbe? Soprattutto alle 22 passate? Fate congetture avanti… Scatenatevi. E poi dimenticatele, perché io mi sono messa a stirare.

Ho approfittato del fatto che non facesse troppo caldo. E comunque, ho resistito poco.

Vi lascio… Buona serata!! A domani 😘😘

Leishmaniosi non ti temiamo

Leishmaniosi. Un pericolo per i nostri amici a quattro zampe. Per fortuna esiste una vaccinazione per evitare questa brutta malattia ai nostri pelosetti.

Stamattina abbiamo portato il maialino a fare il richiamo della vaccinazione contro la leishmaniosi. Quando c’è da fare questa andiamo sempre di mattina così, durante la giornata, possiamo monitorare che non dia problemi a Ronny. È stata la veterinaria stessa a suggerirci di fare così, per essere più sicuri. Quindi, ieri abbiamo messo in conto di passare la giornata di oggi a casa con lui e abbiamo preso appuntamento per andare dal veterinario.

IMG_20170726_142110_034

Il piccolo è stato bravissimo. Si è fatto visitare, infastidendosi leggermente solo ai controlli sotto la pancia. Si è poi fatto controllare le orecchie, i denti, si è lasciato misurare la temperatura e sistemare le unghie, soprattutto gli speroncini che tendono sempre ad allungarsi di più. Durante la puntura non ha battuto ciglio e si è preso anche dei complimenti dalla dottoressa. Lo abbiamo pesato ed è ancora un pochino sovrappeso. Rimedieremo.

Ora è tranquillo che dorme, il musetto non si è gonfiato e lui è bello rilassato. Tutto ok quindi. La veterinaria ci ha anche suggerito un antiparassitario nuovo da sostituire all’Advantix che stiamo usando ora e che ha un effetto maggiore contro gli animaletti che causano appunto la leishmaniosi anche in caso di spostamenti in luoghi di mare.

IMG_20170726_150009

Mentre aspettavamo di entrare dal veterinario abbiamo conosciuto una coppia che era lì con una gattina. Non era la loro ufficialmente ma girava nel loro cortile e da un annetto è entrata in casa loro. E loro se ne occupano portandola anche dal veterinario. Meno male che ci sono persone così. Li stimo molto.

Ora vi saluto, ci si risente più tardi.

Buon pomeriggio!!

Domande da blogger 1

Ok, ve la butto lì a bruciapelo… Perché si legge un blog?

business-blogging-using-a-blog-to-generate-business-8-23-2012

Ne stavo parlando poco fa con mio marito.

Forse si legge un certo blog perché il titolo cattura la nostra attenzione, o perché conosciamo chi lo scrive.

wordpress-265132_960_720

E, se ci piace lo stile, iniziamo a seguirlo per non perdere i post che vengono pubblicati.

Voi con quali criteri scegliete quali blog seguire?

download (3)

Io mi faccio incuriosire molto dal titolo del blog. Se mi ispira provo a leggere un post. E così continuo giorno dopo giorno. Finché lo trovo, interessante, simpatico, rilassante o istruttivo resto una fedele seguace. Altrimenti dopo un po’ smetto. Come sto meditando di fare adesso con un blog in particolare.😀😀 Ma non entriamo in dettaglio. Non è il caso. In positivo invece posso dire che ho da poco trovato un blog che mi piace. E sono felice di seguirlo.

Questi pensieri però mi fanno sorgere nella mente un’altra domanda, forse un filino più complessa:

-perché si scrive un blog?

qbeats-blog-post-how-does-qbeats-integrate-with-wordpress-1

Io personalmente ho iniziato perché adoro scrivere. Però non ho voluto scegliere un argomento esclusivo. Il blog lo uso un po’ come diario personale, anche se ho letto in un sito sull’argomento che non si dovrebbe fare. O meglio, che un blog non è questo. Io però sono abbastanza rognosa per fare comunque quello che voglio come voglio e quindi… eccomi qui.

Nel mio blog io racconto quello che mi succede durante le mie giornate, esprimo i miei pensieri e i miei sentimenti, espongo le mie riflessioni. Insomma, condivido un po’ di me. È un po’ insolito per me mettere così in mostra ciò che ho dentro ma finché mi farà star bene continuerò a farlo, e a farlo a modo mio. Poi si vedrà.

La storia di IMG_20170724_001112

Nel precedente articolo ho iniziato a raccontare una storia. Non so con quale cadenza ne pubblicherò le prossime parti quindi se vi è piaciuta stay tuned! Naturalmente commenti e simili sono ben accetti. Vedremo man mano cosa accadrà alla nostra Daisy. 😊

E voi, se avete letto fin qui, perché mi leggete, e perché scrivete un blog ammesso che lo facciate?

Blog icons design

Lo so stasera sono una curiosona eheheh rassegnatevi. Oggi va così. 😂😂

Buona serata!!! A domani…

Daisy: una nuova casa

Quando seppe che la casa sarebbe stata sua, in quel preciso istante decise di andare subito a vederla. Non aveva nemmeno preparato le valigie, voleva partire subito. Senza perdere tempo. Il vero scopo era allontanarsi da tutto e tutti, fidanzato compreso.

Appena la vide… Fu amore al primo sguardo. La casa era situata in riva al mare. Direttamente sulla spiaggia. Come quelle che compaiono nei film americani dove le persone abitano sulla sabbia di fronte all’oceano. Con un faro. Sì, perché chi gliel’aveva lasciata, un anziano zio, era un guardiano del faro. Una figura che sarebbe possibile trovare in un libro di Rosamunde Pilcher o in un film di Inga Lindstrom.

Daisy adorava il mare. Era sempre stato così fin da quando era una piccola bambina che viveva in un altissimo palazzone al centro di un’enorme, affollatissima, impersonale metropoli. Che il mare fosse calmo e azzurro o agitato, rumoroso e grigio, Daisy lo amava. Era pur sempre lo specchio del cielo e questo per lei bastava e avanzava. Al mare stava bene. Sentiva di poter essere la versione migliore di se stessa.

Sperava di riuscire a farsi degli amici, a conoscere qualcuno. Non che fosse strettamente necessario ma Daisy valutava che sarebbe stato meglio non essere completamente sola. Purtroppo però era molto diffidente e selettiva quando le capitava di conoscere qualcuno.

Lí intorno sembrava non esserci anima viva. Si vedeva una casa poco lontano ma era sempre buia e silenziosa, come se fosse decisamente non abitata. Chissà se ci stava qualcuno. Probabilmente era una casa di vacanze per cui, essendo la fine dell’estate assai prossima, non vi avrebbe mai visto nessuno.

Tuttavia era evidente che fosse stupenda. Anche così, buia e completamente chiusa. Si era spesso chiesta a chi appartenesse.

Uno dei suoi obiettivi era di scoprirlo.

bow window daisy

Un giorno, proprio mentre rifletteva su questo, nella sua casa con vista sul mare, sdraiata su un divano che dava direttamente su una parete completamente a vetri, sentì bussare alla porta.

11959782-Percorso-e-porta-d-ingresso-di-una-casa-in-pietra-con-fiori-e-prato-lussureggiante--Archivio-Fotografico

” E adesso chi è? Qui non c’è nessuno”. Disse tra sé. Alzandosi lentamente si avvicinò alla porta per andare ad aprire.

Non appena socchiuse la porta si trovò davanti un giovane uomo con un meraviglioso cane accanto alle gambe.

“Ciao” le disse lui. ” Io sono Luke e lui è Spike, piacere di conoscerti.”

Castelli e foto. 

Ieri giornata turistica e fotografica. Ho visitato il Castello di Rivalta, in provincia di Piacenza. Fa parte del gruppo dei “Castelli del Ducato” di Parma e Piacenza.

castelli
Torre Solari

Questo in particolare è molto elegante e curato. Con la visita guidata lo abbiamo girato tutto e con spiegazioni dettagliate e precise. E divertenti. Con una guida bravissima. La sala che ho preferito è stata la sala da pranzo, di cui purtroppo non ho foto perché all’interno non era consentito. All’esterno è pieno di fiori meravigliosi, da cui sbuca la torre che vedete nella foto in alto.

 IMG_1173

Durante la visita siamo anche arrivati in cima a quella torre e da lì il panorama è stupendo. Ovviamente lì ho potuto fotografare liberamente e quindi di seguito vi posto le foto che io e mio marito abbiamo scattato. Si vede il fiume Trebbia, con ormai poca acqua, ma sempre molto bello.

IMG_1194

IMG_1185

IMG_1184

IMG_1182

Estremamente bello, no?

Venerdì scorso invece, sempre restando in tema di castelli, abbiamo visitato quello di San Pietro in Cerro. Molto bello anche questo. E anche qui abbiamo avuto la fortuna di avere un’ottima guida. Eccovi qualche immagine, anche qui dell’esterno perché essendo attualmente residenza privata non era consentito scattare foto alle sale.

IMG_1119

IMG_1122

IMG_1149

Amo molto visitare i castelli, specie quelli che, come questi, hanno delle sale ancora perfettamente arredate da poter vedere. Mi portano in un periodo storico che mi piace molto anche se, visitandone alcuni, ho capito che la vita allora non era tutta rose e fiori come potrebbe sembrare. La visione che se ne ha è piuttosto romantica, ma la sfiga era sempre in agguato anche lì, e l’essere ricchi non garantiva un’esistenza migliore, ma molto spesso, metteva in pericolo più che altro. Ciò nonostante resto affascinata da questi ambienti. Man mano che l’estate prosegue continuerò a postare sulle mie visite. Intanto già da ora ve li consiglio, se siete in zona andateci!

Ciaooooooooo!