Rientro – home sweet home

Ok, cena finita e piatti lavati, posso mettermi a scrivere il primo articolo post-mare. Il rientro è stato decisamente “caldo”.

IMG_20170804_161118

Un cane assetato

Sabato alle 11 eravamo a casa. Un viaggio di rientro tranquillo, zero code, tempo bello. Tutto ok quindi. Peccato che appena arrivati a casa ci siamo accorti che la temperatura era a dir poco eccessiva. Ammetto che casa nostra non aiuta visto che, proprio per come è stata fatta, non crea mai corrente d’aria. Per cui, anche se lasci tutte le finestre aperte… nulla. E non avendo ancora avuto la possibilità di investire in un impianto di condizionamento vi lascio immaginare la fornace in cui siamo entrati. Il cane sembrava che non bevesse da settimane, ma devo dire che anche noi eravamo abbastanza scioccati dal caldo. 😅😅😅

Bellissimi giorni

A parte questa piccola introduzione meteorologica… Veniamo a noi. È stato difficile tornare a casa. Lo è sempre, la fine delle vacanze non piace a nessuno. In questi giorni però sono stata davvero molto bene, cosa per nulla scontata quando si va via, e lo so molto bene. È quindi ancora più difficile lasciare un posto che ci ha dato serenità. Non era facile. Le vacanze sono state in forse fino all’ultimo, ma col senno di poi posso dire che abbiamo fatto la scelta giusta.

“Wow bellissimo”

IMG_20170731_210945

Ciò che ho preferito dei giorni trascorsi al mare sono state forse le serate in spiaggia. Non che si facesse chissà cosa, a volte una passeggiata, a volte fotografie, oppure semplicemente sedersi a guardare il mare. L’unico rumore concesso. Per me già questo è meraviglioso, non mi servono grosse cose per star bene. Chiaro che, davanti a quello spettacolo, il pensiero andava inevitabilmente alla mamma dato il suo grande amore per il mare. In altre situazioni le avrei mandato le foto e lei avrebbe risposto con “wow bellissimo” oppure con i cuori. E la mattina mi avrebbe detto “divertiti e fai un bagno anche per me”.

IMG_20170804_204758

Ieri sono stati sei mesi senza di lei. Non so dire se mi siano sembrati lunghi o veloci. Posso solo definirli assurdi e senza senso. Questa è la sensazione che ho ogni giorno dal 7 febbraio a oggi. Incredulità. Il mondo senza di lei è scarso di significato. Certo, tante cose e persone ci sono ancora, sono qui e sono importanti. Ma nessuno è lei. Nessuno sarà mai lei.

Ci risentiamo prossimamente quando riuscirò ancora a scrivere. Buona serata e notte! 😘😘🌙🌌

Annunci

Obiettivi …in ordine!

Quali sono i tuoi obiettivi per i prossimi 30 giorni?

Questa la domanda del giorno 29 della “30 days writing challenge” a cui sto partecipando. Sì, avete letto bene, giorno 29. Su 30. Che non è un voto universitario ma la fase finale di questa famosa sfida. Siamo in dirittura d’arrivo. Almeno spero, e forse non lo spero solo io. Ahahahah scherzo ovviamente. Chiunque abbia (o abbia avuto) la pazienza di leggere merita un bel grazie!!!

Dunque, entrando in merito alla richiesta, la domanda è complessa. Strano eh? Mi sa che qui sono tutte abbastanza complesse. Sono 30 belle grane. Comunque. Obiettivi ce ne sono. Più e meno leggeri. Mi piacerebbe fare qualche giorno via di casa, ma questo credo che in 30 giorni sia difficilmente realizzabile. Mai dire mai ad ogni modo. Si vedrà.

Vorrei inoltre, e questo lo devo realizzare per forza, dare una sistemata in casa. Non siamo due tipi particolarmente ordinati, mio marito e io, quindi c’è un po’ di casino vario sparso in giro. Nulla di irrecuperabile chiaramente, ma a ‘sto giro va fatto perché se arriva il punto in cui mi stufo poi divento drastica e rischio di prendere e sbattere via tutto. Io, con il mio grande amore per le vie di mezzo (inesistente, zero proprio!) rischio di fare un danno. Stamattina ho iniziato un po’ in cameretta, tasto abbastanza dolente dato che non viene usata per lo scopo per cui è stata costruita. E’ diventata una specie di ripostiglio incasinato. Bisognerà metterci mano e vedere cosa fare. Questo è il mio proposito per Luglio. Ci lavorerò.

(Nel frattempo, sempre sull’argomento, sono riuscita a liberare in camera matrimoniale un intero cassetto per disporre meglio le lenzuola. Proud of me! Certo, se imparassi anche a stirarle non sarebbe male forse, occuperebbero meno spazio di sicuro, ma una cosa alla volta.)

Direi che come obiettivo a scadenza non mi sembra male, anzi è molto impegnativo, per tanto motivi. Però, lo voglio fare. Come vi dicevo prima o iniziato un po’ e infatti mi sono fatta male alla spalla. Benissimo!! Chi ben comincia… 🙂

Ma non ci si arrende… Ora credo che potrei quasi anche pranzare dato che ho saltato la colazione. Il tempo di preparare così poi mi riposo vedendo Beautiful & Co.

Buona giornata!!!!

Ps: E i vostri obiettivi quali sono?

casadisordinata

(Immagine burabacio.it)

Meno tre

Bene, mettiamoci a scrivere questo articolo del Martedì. Siamo all’ultima settimana dell’anno scolastico e meno male perché sono sempre più sfinita. Per la precisione meno tre giorni. 😴😴😴

Stamattina ho presentato il modulo di richiesta ferie e avrei voluto scriverci sopra “a tempo indeterminato”. Comunque, come accennato sopra, siamo ufficialmente a -3. Quando si inizia l’anno a Settembre (noi insegnanti siamo esseri strani, ci mandiamo il buon anno il primo settembre invece che il primo gennaio…) Giugno sembra sempre lontano e irraggiungibile. Invece poi, fai il rientro ed è ottobre, due argomenti e ti ritrovi a Natale, Pasqua, Giugno. E’ incredibile come ogni volta il tempo voli.

Certo, se penso a tutte le cose che ho fatto con i bambini mi rendo conto di quanto intensi siano stati questi mesi. Però… Come ci sono arrivati alla fine della terza che solo ieri erano dei pulcini piccoli e coccolosi??? 💕💕💕 Beh, sono ancora dei pulcini coccolosi, solo un po’ meno piccoli.

Per dirvi quanto strana è la nostra scansione temporale, vi racconto questa: ricordo che l’anno scorso ero alla Bennet con mio marito e appena entrata ho visto le uova di Pasqua al che esclamo “Ti rendi conto che qui ci sono fuori le uova di Pasqua e io devo ancora finire le tabelline?”. 😱 E lui, sant’uomo come sempre che mi dice “Ma no amore, sai che le espongono sempre prima ogni anno…Tranquilla le finirai le tabelline…” Scleri da maestre, nulla di particolare. Lui ci è abituato povero. E’ un angelo. Ma davvero. Senza di lui sarebbe tutto infinitamente più difficile e più pesante. E tra l’altro è anche un valido aiutante al lavoro perché quest’anno quando abbiamo studiato cosa fa il chimico è stato fantastico a far capire ai bambini cosa succede dentro un laboratorio. Risultato? Tutti i bambini volevano fare il tecnico di laboratorio. Una bimba in particolare è arrivata un giorno dicendomi:

“Ho detto alla mamma che da grande voglio fare il tecnico di laboratorio” e io chiedo:

“E lei cosa ti ha detto?”

“Ha detto Noooooooo” 

😂😂😂😂😂😂😂

Ahahahahahah mamma previdente, in effetti è un lavoro che seppure molto importante viene proprio considerato meno di zero. Capisco che una per la propria figlia desideri qualcosa di meglio. Quando l’ho raccontato a lui si è fatto una grossa risata dichiarandosi d’accordo con la mamma di cui sopra. Comunque, ora non lo fa più nemmeno lui perciò… A voi le conclusioni.

Tornando a noi, quando arrivano questi giorni, nonostante la stanchezza e la voglia di dormire fino a settembre, sono sempre proiettata verso la classe successiva. Ma perché sono così? Da dove mi arriva questa instabilità? Probabilmente è perché la scuola è uno dei punti di riferimento nella mia vita, e uno degli aspetti che funzionano meglio e quindi doverla lasciare per tutto questo tempo mi risulta difficile. Inoltre, aspetto non del tutto secondario, essere a casa mi lascia troppo tempo per pensare e non è una cosa che amo particolarmente fare, soprattutto da Febbraio.

Lasciamo perdere. 

Che è meglio. Ora vedo di mettere insieme qualcosa per la cena anche se questo caldo esagerato non aiuta, ma il mio uomo speciale sta finalmente tornando quindi…. Alla prossima!!!! 👋👋👋

                                                      fine

 

 

Impegni scolastici di giugno

Giornata caldissima oggi! Però sono riuscita a fare un po’ di cose a casa. Intanto ho stirato dopo pranzo e già solo per questo meriterei una medaglia🏅! Era davvero caldissimo ma avevo un po’ di panni da smaltire, che ovviamente non ho finito, ma qualcosa ho fatto. È pur sempre un inizio…

Stamattina a scuola ho completato il registro 📒 (l’emoticon è solo un simbolo perché in realtà è online), a cui per fortuna mancavano solo da inserire le relazioni finali. Non amo particolarmente la scuola senza i bambini, è troppo vuota e silenziosa. Purtroppo anche questi ultimi impegni vanno assolti e poi questo lunghissimo anno sarà terminato. Domani pomeriggio collegio docenti e già all’idea di prendere la macchina alle 15,30 (sotto il sole dalla mattina) mi sento male. Mi daranno il Nobel per il coraggio. Già lo sento, è mio! Giovedì invece colloquio con i genitori riguardo alle schede di valutazione. Sono fiera dei miei bambini e dei risultati che hanno raggiunto. E spero lo siano anche i genitori. Che li sostengano e diano loro soddisfazione perché si sono impegnati davvero tanto e lo meritano! 😍😍

Da venerdì in poi sistemazione aule, sgombero armadi, riordino materiale… E poi ci cambieranno anche i banchi dandoci quelli più alti e più grandi, che terremo per quarta e quinta, ormai i nostri piccoletti sono cresciuti. Se penso a quando erano in prima.. ❤️❤️❤️ Piccini, disordinati e un po’ dispersi… Tenerissimi! Ora invece sono alti, perfettamente ambientati a scuola, consapevoli delle regole. Hanno fatto un bellissimo percorso di cui hanno già superato la metà. Ora però ciò che conta è che si godano appieno l’estate, che si riposino e si divertano. Al resto ci penseremo con calma da settembre, quando saranno grandoni di quarta.

Ora vi saluto. Qui non si respira. Prima si era alzato un filo d’aria ma ha ben pensato di placarsi subito…

buonanotte-stelle

Un po’ di tranquillità ogni tanto non fa male 

Per fortuna oggi posso scrivere che è una giornata tranquilla. Poter recuperare le ore eccedenti effettuate in precedenza è una bella cosa. Mi permette di avere qualche momento per me. Succede raramente e per questo è una situazione da sfruttare per riposare un po’. La notte è sempre troppo corta quando mi devo alzare presto perché non riesco mai ad addormentarmi appena vado a letto, ci metto sempre un po’ di tempo.

Oggi sono tornata a casa, sono uscita con Ronny, poi ho mangiato qualcosa e ho scoperto… di avere in casa un divano!!

Risultati immagini per divano

(Non è il mio quello della foto naturalmente però questo colore lo trovo stupendo. Chissà che non sia un’idea per il prossimo. Il nostro tra coniglio, che avevamo, e cane, è messo abbastanza male.) Incredibile eh? Eppure… 😁😁😁 Se ne deve essere accorto anche Ronny e infatti non vuole più scendere…

Il guinzaglio c’è, il kong anche… Da notare come mi guarda quando mi avvicino perché pensa di dover andare giù e lasciare il divano. Non è proprio uno sguardo felice o positivo. Ahahahahah…. E’ tremendo!! 🙂 Tipo “Non vorrai mica farmi alzare da qui! Ma tu sei pazza!!”

Lasciamolo in pace ancora per un po’, ma prima o poi dovremo comunque uscire, e torniamo a noi. Al momento sto guardando le puntate vecchie di uomini e donne che non avevo ancora visto. Non sono molte per fortuna. Comunque certa gente è davvero fuori di testa. Ma magari è tutto combinato e preparato per fare spettacolo… In certi casi lo spero per loro altrimenti sono proprio messi male. 😛

Domani sarà un pomeriggio lavorativo particolare perché avrò un incontro con una specialista (roba di scuola) e quindi le mie ultime due ore di scienze saltano. Va beh vedrò di recuperarle in un altro momento se riesco. Parentesi: ma il correttore automatico del telefono,  che mi suggerisce di scrivere “un altro” con l’apostrofo, esattamente sull’italiano di quale remoto angolo del mondo è impostato? Orribile! 🤔🤔🤔

Ora vi saluto che Nino e Gianni stanno litigando, non me lo posso perdere ahahahahah… ciaooooooo!