Neve e ricordi. Famiglia e amore. E futuro.

Neve e viaggi

E’ il primo Marzo e nevica. Molta gente si stupisce, qualcuno si arrabbia. Io penso che comunque è ancora inverno e quindi la neve ci sta, il paesaggio bianco mi piace e, nonostante le difficoltà per arrivare al lavoro, me lo guardo felice. Ok stamattina le strade non erano pulitissime, ma andare a 40 Kmh era francamente eccessivo, soprattutto perché qualcuno di questi soggetti così “prudenti” non aveva nemmeno i fari accesi. Ma sì, tanto basta andar piano e bloccare tutto il traffico, perché prendersi anche la briga di rendersi visibili? Neanche si dovesse tenerli accesi manualmente…

Neve e bambini

Quanto alla scuola è bastato un rapidissimo giro di messaggi con la rappresentante dei genitori per garantire che sia io sia la maggior parte di loro, si trovasse tranquillamente a scuola. Quando le cose funzionano è sufficiente questo. I bambini sono felici e io con loro. Purtroppo per ora la neve è poca e non consente di uscire a giocarci però possiamo già guardarla sognanti. Dalla finestra però abbiamo visto una cinciallegra piccolissima tutta marroncina, nera e gialla, meravigliosa, i bambini erano incantati a guardarla attaccati ai vetri. Poi un pettirosso. E la cosa bella è che una bambina ha osservato che sulla ringhiera, la neve era segnata dalle impronte dell’uccellino che si era appoggiato lì. Sono fantastici.

neve

Neve e ricordi

E io mentre la guardo penso alla mia mamma che l’ha sempre adorata. Anche lei è sempre andata al lavoro in macchina ma questo non ha mai scalfito il suo amore per la neve, come non scalfirà mai il mio. Tante volte da piccola sono andata in cortile a giocare nella neve con lei. Costruivamo pupazzi, lasciavamo impronte con gli stivaletti di gomma… e poi la cosa si ripeteva puntualmente con i nipoti. Non è mai stata una mamma di quelle che ti tiene in casa perché fa freddo o piove o nevica. Certo, non metteva mai a rischio la nostra salute ma permetteva di divertirsi e sperimentare. Ricordo dei giorni di pioggia in cui nessun bambino era in cortile ma io si, a camminare sotto l’acqua con l’ombrello. Bellissimo.

Neve e amore

Ho anche un altro ricordo legato alla neve. Io, nella mia camera a casa della mamma, seduta sul davanzale della finestra a veder nevicare messaggiando con una persona speciale che la guardava scendere da un’altra finestra, pensando a quanto sarebbe stato bello guardarla insieme “a una persona amica” peccato che lì di amicizia ce ne fosse ben poca, o meglio era la base di qualcosa di molto più forte. Stasera io e quella persona speciale potremo guardare la neve insieme dalla finestra di casa nostra, come facciamo ogni volta che succede. Non importa se sia Dicembre, Gennaio o Marzo, la magia non conosce data. Anche quest’anno il mese di Febbraio ha compiuto il suo danno irreversibile ma ora è finito. E insieme guardiamo avanti, nel bianco.

neve

Per altri articoli vi rimandi alla pagina Facebook del blog.

(Articolo del 1 Marzo)

Annunci

Il compleanno che doveva essere… Aurora…

Compleanno

Oggi doveva essere il tuo compleanno, se tutto fosse andato bene quattro anni fa. E invece sappiamo tutti com’è andata. Un vero disastro per cui tu non sei qui e niente può lenire, seppure in minima parte, questo dolore.

Nulla cambia le cose

Altri avvenimenti sono successi dopo questo. Altri dolori, qualche gioia. Ma nulla può cambiare ciò che questo periodo, che questi giorni, scatenano dentro di me ogni anno incessantemente. Del resto, come si fa a passare dalla gioia più grande al più grande dolore e pensare di superarlo? Ci si convive, piccola. Ci si convive con più o meno fatica. Se si hanno vicino, come nel mio caso, persone speciali, si riesce a sopravvivere, a restare a galla, seppur annaspando un po’. Contando che io non so nemmeno nuotare, la prospettiva non è granché.

Qui

Eppure sono qui, resto qui, in qualche modo. Molto diversa da quella che ero, sicuramente diversa da quella che sarò. Ma sono qui, e lo sono anche per te. Perché forse è più comune andare avanti “per chi resta” e sicuramente in parte è anche questo che faccio. Qui ci sono persone che non potrei mai volutamente lasciare. Ma resto anche per te, che non hai potuto esserci. Vado avanti perché in me ci sei. In tanti modi, pensieri e dimostrazioni.

Il caso non esiste

Accettare ogni giorno la tua mancanza è, e resta, completamente devastante, ma in qualche modo va fatto e spero di cavarmela decentemente in quello che sto portando avanti qui. Quest’anno poi è stato più difficile del previsto perché la vita ha deciso di sottopormi l’ennesima terribile prova, che non posso ancora raccontare e forse non potrò mai, ma che tu sai benissimo. Lo sai perché il caso non esiste, come dice giustamente una mia carissima amica. Il caso non esiste e tu, a modo tuo, sei riuscita ad aiutarmi nell’affrontare anche questo. Siamo solo l’inizio, ma la tua manina ne ha afferrata un’altra e mi ha fatto capire che anche se io non ti vedo, e non ti vedrò crescere e diventare la splendida persona che saresti stata, comunque tu ci sei e sei splendida davvero.

Sorrido

Ci troviamo in due dimensioni diverse attualmente, ma chi può spezzare il legame tra una mamma e una figlia? Di sicuro non la semplice presenza di un cielo azzurro tra loro. E’ merito tuo, se oggi riesco a pensare a te col sorriso sulle labbra, è merito tuo se nonostante le lacrime nel cuore riesco a vivere. Ti affido questi pensieri nel giorno che doveva essere il tuo compleanno, ed è il tuo comunque. Oggi è tutto per te che sei la mia piccola grande Aurora. L’Aurora che mi ha cambiato la vita.

“Io che,
molto spesso mi perdo
cerco un tuo gesto
inaspettato, innato
riflesso incondizionato
un qualcosa che
non si vede
ne si sente
lo riesco a percepire
mi proteggerà per sempre
ma certe decisioni
non le posso prendere
che tanto non puoi scendere
e io non posso scegliere
di essere con te
come immagino
ma è stato magico
il mio stato d’animo
mi hai fatto crescere in un attimo
abbi cura di splendere…”

(Articolo del 26 Febbraio)

Andiamo avanti

Ok, accingiamoci a scrivere e vediamo cosa ne esce. Oggi è una giornata complicata, che fa parte di un periodo complicato. Ed eccomi qui. Divano. Pc sulle gambe. Suits in tv. Pensieri in standby e cuore sull’orlo del precipizio.

Il rischio che cada è concreto, ma c’è qualcosa che lo tiene su. Una flebile, fragile forza che lo sostiene. Ma forse, non è poi così fragile come potrebbe sembrare. L’attesa non è il mio forte. Tutta la mia pazienza la uso a scuola e quando non sono lì ne ho poca. Eppure in alcuni casi bisogna trovarla e io ci sto provando.

Forse scrivere aiuta a mettere ordine, o a evadere. Entrambe le cose in questo momento sono ben accette.

Domani è l’anniversario di un giorno molto, troppo brutto. Eppure le cose cambiano, in un anno si vivono un sacco di situazioni, più o meno belle, sane e felici. In ognuna di queste, nessuna esclusa, è mancata la presenza di una figura fondamentale. Eppure, se siamo arrivati qui, secondo me è anche merito suo. Di quella figura fondamentale che, da quando mi ha messa al mondo, non ha ancora smesso di proteggermi e accompagnarmi.

“Spero di potervi aiutare tanto da lassù” è stata una delle sue ultime frasi pronunciate lucidamente. Lo ha fatto, lo sta ancora facendo e di sicuro continuerà a farlo. Certo, avrei preferito che continuasse a farlo da quaggiù, ma una mamma non conosce limiti non sarà di certo l’essere in una dimensione diversa che riuscirà a fermarla, soprattutto non se quella mamma è la mia.

Andiamo avanti. Concentriamoci su ciò che c’è di positivo e affrontiamolo, che di cose brutte ce ne sono già state pure troppe. Questo mese non mi piace, non andiamo d’accordo. Ogni volta gli do la possibilità di riscattarsi ma ancora non l’ha colta appieno. Mi auguro che questa sia la volta buona.

keep-calm-and-carry-on-13684625170vT

Manchi… E ti parlo da qui

Manchi

Manchi sempre, è inutile dirlo. Ma in questo momento mi manchi di più. Molto, molto di più. È un momento particolare, di transizione si potrebbe dire, e io avrei bisogno di parlare con te, di chiederti alcune cose. Non tante, ma importanti.

La cosa giusta

Non potendo parlarti a voce, scriverò qui. Ma so che in qualche modo tu riuscirai a ricevere il messaggio.In questi casi mi rendo conto che non c’è nessuno con cui parlare e confidarsi che sia alla tua altezza. Tu hai sempre avuto le risposte giuste, le parole giuste e,  soprattutto, l’atteggiamento giusto. Quando la maggior parte delle persone va in panico per motivi più o meno validi, tu sapresti cosa dirmi per trasmettere tranquillità, per capire qual è la cosa giusta da fare, il modo migliore per affrontare alcune situazioni.

Da te

Io ci sono venuta da te oggi e tu a modo tuo mi hai risposto. Mi hai fatto capire che sai. Che ci sei e che continuerai a esserci. Non come io avrei voluto, però almeno ci sei. È tutto un po’ più incasinato qui senza di te. Ognuno cerca di portare avanti la propria vita nel miglior modo possibile ma è tutt’altro che semplice. Io ti penso sempre e più che mai in questi giorni. Se ci fossi tu sarebbe tutto più facile.

Segno

Da quando sei andata via io ci ho provato sempre a non arrendermi, ad andare avanti, a portare avanti alcune situazioni, a volte è stato più difficile, altre volte meno, ma penso, nonostante tutto di esserci riuscita, non so se si vede e non mi interessa più di tanto. Qui è una battaglia quotidiana contro la tentazione di lasciarsi andare. Eppure, i segni ci sono, anche quando sembra di no, ogni tanto spuntano, magari su un paio d’ali piumate sopra un petto piccolo e rosso. Tutto sta a coglierli.

manchi

(21/01/2018)

Nuovo anno… Nuovo post

Nuovo anno

Nuovo anno, sì, 2018. E cosa cambia a parte l’ultima cifra? Non lo so.

Per natura io sono una di quelle ingenue romantiche che crede in ogni Natale, in ogni 1 Gennaio. Ogni volta spero che il nuovo anno che inizia sia migliore di quello che è finito. Nel mio caso, onestamente, non ci sarebbe neanche bisogno di fare chissà cosa. Il 2017 è stato tanto tremendo che anche un po’ di semplice tranquillità sarebbe ben accetta.

Speranza

Ed ecco quello che dicevo. Io ci spero sempre, anche quando so che non succederà. La rassegnazione è proprio una caratteristica che non mi appartiene. Non so perché, non so da dove abbia ereditato questa speranza incrollabile. Eppure c’è. Chissà, forse è quella che mi tiene in piedi, o forse è quella che mi tiene ancorata a terra e non mi lascia spiccare il volo verso sogni più raggiungibili. Però, i sogni non si adattano alla realtà, è questo il loro bello.

2017

Comunque, tornando a noi, io ci credo sempre, anche quando non ne ho motivo. L’anno scorso ad esempio, a Capodanno ho festeggiato cercando di essere davvero positiva, eppure sapevo già che sarebbe stato l’anno che mi portava via la mia mamma. Non chiedetemi come facevo a saperlo, eppure lo sapevo. Nonostante questo ho cercato di credere lo stesso che un altro finale fosse possibile. Naturalmente così non è stato e ho affrontato ciò che è venuto.

2018

Ora siamo di nuovo qui, a fare i conti con un altro capodanno. Non amo i bilanci conclusivi, preferisco concentrarmi sui buoni propositi, sulle prospettive furure, e vedere poi come andrà, giorno per giorno in questo 2018. Oggi intanto mi sono svegliata tardi, anche se sono andata a dormire più o meno alla solita ora, e finora la giornata è stata piuttosto pigra. Durante il mese di Dicembre non sono stata per niente bene e ancora non ne sono uscita completamente. Il giorno peggiore? Natale ovviamente, what else? Conciatissima. Ora va molto meglio ma il raffreddore c’è ancora e la tosse anche. Credo proprio che mi servirà fino all’ultimo giorno di queste vacanze per riprendermi.

Sfogo di oggi: esperti non esperti

È da un po’ di tempo che mi gira in testa una domanda, che oggi trova posto qui. Purtroppo il venerdì alle 16,30 si esaurisce la mia dose settimanale di pazienza e non si ricarica fino al lunedì mattina, quindi perdonatemi e concedetemi questo sfogo. Almeno qui, tra i miei pensieri, tra queste pagine (seppur virtuali) che parlano di me.

Ma perché?

Mi chiedo a che titolo persone che non hanno nessuna reale competenza in alcuni campi, si ergano sui social a veri intenditori di vari argomenti, diffondendo convinzioni non supportate da alcuna conoscenza effettiva e che sono, ed è sotto gli occhi di tutti, causa di numerosi problemi. Spesso a questo si risponde con la libertà di pubblicare ciò che si desidera sulla propria bacheca e questo è, purtroppo, consentito. Tuttavia credo che ognuno sia responsabile di ciò che dice e che per questo dovrebbe parlare di ciò che sa, ma che sa davvero, non che crede di sapere, poiché ciò può diffondere a volte concetti molto sbagliati. Soprattutto, porsi come modello per altri è spesso davvero rischioso. Tra l’altro è, molto sovente, indice di grande insicurezza personale e di ricerca di consensi e conferme.

Esempio verde

Sono  rompiscatole e ne sono consapevole, ma non sopporto gli esperti improvvisati. È come se io mi mettessi a dispensare consigli di giardinaggio. Non ne so nulla, sono una capra in tale ambito (e in molti altri ovviamente) quindi darei suggerimenti completamente sbagliati, uccidendo le piante di chi decidesse di leggermi e di fidarsi di ciò che dico.

C’è chi studia sulle cose, chi sceglie certe strade come professione, dedicandoci anni di studio, di lavoro, di esperienze, tirocini, gavetta.

Poi, per tornare all’esempio ecologico, arriva uno che ha letto solo il primo numero di “Pollice verde” comprato in edicola e comincia a dispensare cavolate spacciandole per grosse verità. Ma perché?

No filter

Sì, certo che potrei farmi i fatti miei, altrettanto certo che “basta non leggere”, ma essendo rompiscatole come vi ho anticipato, leggo e dico la mia. Piaccia o meno. Ho questo vizio e non ho mai ricevuto il dono dell’ipocrisia. Ne sono del tutto priva. È già tanto che riesca a trattenermi dal commentare con “Ma perché scrivi queste cavolate?” sotto certi post. Non so quanto resisterò, ma per ora, incredibilmente, ce l’ho sempre fatta. Ed è già molto per me e infatti potrebbe non durare. Pazienza, ho preso dalla mamma e quando una cosa mi esaspera prima o poi lo rendo noto. La verità è che certa gente se la racconta come meglio crede, mentando agli altri ma prima di tutto, e ciò è molto più grave, a se stessa. Non so quale giovamento ne abbiano da tutto ciò. Probabilmente si accontentano del consenso virtuale (perché non è altro che questo) di chi legge qualsiasi cosa con superficialità e leggerezza. Il buonismo la fa da padrone su Facebook e altrove ma di sincero in tutto ciò c’è poco e niente. A chi cerca approvazione forse va bene così. Continuino pure, ma non fa per me.

Foto, Facebook e vestiti

Non so come mai oggi Facebook mi ha riproposto due foto con te. Forse perché le ho condivise in questa data anche se non mi ricordo.

  

Sono giorni difficili, mesi difficili. Ci sono situazioni che non cambiano, non possono cambiare. Non cambiano ma ti cambiano. Affrontarle non diventa più facile col passare del tempo. Proprio per niente. Per la maggioranza del tempo chiudo occhi, orecchie, mente e cuore e vado avanti. Più o meno. Non bastasse questo, ci mancano anche grane di un altro tipo. Che ovviamente non semplificano nulla anzi. Complicano il tutto. Per fortuna ogni tanto Dio decide di darti una mano e, in un momento di scuola qualsiasi, fa apparire una faccia amica che appena la vedi ti illumini. In un impeto di generosità poi ti concede di passare una mezz’oretta col sorriso sulle labbra insieme a questa persona come se al mondo tutto fosse normale e non esista nessun problema. Un piccolo grande regalo questa presenza.

Ieri ho dovuto sistemare i tuoi vestiti, i tuoi libri, le tue cose. Non mi piace mettere le mani nei tuoi cassetti, nel tuo armadio. L’ho sempre fatto perché ci siamo sempre scambiate vestiti e scarpe. Ma ieri è stato diverso. Andava fatto e l’ho fatto, come sempre. Mi sto rassegnando alle cose che “vanno fatte” anche se ti spezzano dentro. Qualcuno di lucido ci vuole e guarda un po’ chi deve essere? Sai che novità. Ce ne sono tante di cose così, che poi nel cuore della notte ti si piombano in mente e mica vanno via. Poi una alla mattina è stanca. E ci credo. Così non si riposa. Dopo tutto questo però ci sono i bambini e per loro si riesce a dare un senso alla propria presenza insensata.

Ora mi sa che mi metto a letto che anche oggi, grazie al Consiglio d’Istituto, è stata una giornata lunga, seppur interessante.

Profumo di ortensia e Chanel n. 5

Ortensie

Adoro le ortensie. Le ho sempre adorate fin da quando ero piccola, anche se non conosco molto bene il loro profumo. E anche crescendo sono sempre rimaste tra i miei fiori preferiti. Al punto che le ho volute nell’allestimento floreale del mio matrimonio. Era composto di rose rosse e ortensie bianche. Anche se le mie ortensie preferite sono sempre state quelle rosa, seguite a ruota da quelle azzurre.

Profumo

Vi ho detto delle ortensie perché Lunedì sera mi sono portata a casa un profumo all’ortensia. Era della mamma. Non so se sia ancora utilizzabile perché era lì da un po’. Vedremo. Non è stato facile ma so che papà preferisce che le cose della mamma vengano usate da noi piuttosto che restare lì inutilizzate. Solo che davvero non è affatto semplice prenderle da dove sono e portarle a casa. Togliere le cose da casa di mamma e papà fa cambiare aspetto alle varie stanze, non sono più come le ho sempre viste e a volte è un po’ un colpo. Allora stasera ho cercato di prendere qualcosa tra quello che è ancora in buone condizioni ma senza svuotare troppo le mensole e gli scaffali. Qualche profumo, qualche cosmetico…

Ricordi

In realtà ovviamente non ho bisogno di alcun oggetto per ricordarmi di lei e nemmeno per sentirla vicina. Però, pur nella difficoltà di farlo, tenere qualche oggetto appartenuto a lei mi fa piacere. Che poi, io sto qui a scrivere queste cose ma la voce dentro la mia testa mi chiede perché parlo di lei come se non ci fosse più. Accettazione della realtà: scarsa direi. Incredulità a mille. Mi sembra ancora tutto molto assurdo, insensato, sbagliato anche. Beh, è sbagliato, di questo ho la certezza. Questi mesi che sono passati hanno visto il mio morale andare su e giù peggio che se fossi a bordo delle montagne russe. Ci sono momenti in cui la mancanza ti colpisce come un pugno lasciandoti senza fiato. In altri momenti riesci perfino a sorridere di un ricordo, di una sua frase tipica.

Chanel n. 5

Tra le altre cose ho portato a casa una boccetta di Chanel n. 5. Il suo profumo. Da un po’ lo uso anch’io, da qualche anno. Avevamo in comune la passione per questo profumo e così ora sulla mia mensola del bagno c’è la mia boccetta, più piccola, e la sua, più grande. Davanti c’è quello all’ortensia e dietro c’è un barattolo che mi piace tantissimo da quando ero piccola piccola. Dentro ci stanno quelle cosine da bagno che non si lasciano a vista tipo legamini e mollette… È rovinatino sul bordo del coperchio perché ha più di trent’anni ma io lo trovo sempre splendido. 😍 Sul retro c’è un uomo che scrive… Ma ho sempre preferito lei, troppo bella.

  

Primo difficile giorno di scuola

Primo giorno
Oggi primo giorno di scuola. Sono tornati i bambini. Che grande gioia e che grande emozione!! Sono tanto cresciuti!! Oggi ci siamo dedicati a decorare la porta della classe e potete leggere i dettagli qui.
Ma non è di questo che vorrei parlare in questo articolo.
Mancanza
Qui ho bisogno di dire che oggi, pur nella gioia di ritrovare i piccoletti, è stata una giornata molto difficile, in cui le lacrime non sono mancate. Penso di averlo nascosto discretamente. Però, la mancanza della mamma oggi è stata devastante. Stamattina mentre ero in classe pensavo che non avrei potuto mandarle le foto dei miei bambini, ne parlarle delle solite menate che non mancano mai in ambito lavorativo e scolastico. Avrei voluto mostrarle la nostra porta, raccontarle di quanto sono cresciuti i miei bambini, condividere con lei la gioia di avere per la prima volta in vita mia la stessa classe per quattro anni di fila. Lei che c’è stata in tutti gli anni di supplenze, anche quelle di un giorno. Lei che dopo ogni annualità, quando ero triste perché dovevo lasciare i miei alunni mi diceva “Sei brava, ti troverai bene ovunque andrai”. La fiducia delle mamme. Nessuno ce l’ha uguale. È stato un disastro oggi uscire da scuola e non mandarle un messaggio, non avere il suo augurio di buon inizio stamattina come faceva ogni primo giorno. Non doverle fare il foglietto con l’orario per regolarsi su quando sono a scuola.
Da fuori
Vorrei che fosse ancora qui. Da sette mesi il mondo è assurdo e più freddo. Troppo è volato via con lei e anche se sento il suo profumo nell’aria, un abbraccio suo mi servirebbe davvero tanto. Senza non è lo stesso e anche se ho tante persone che mi vogliono bene, nessuna è lei. Non so se da fuori si vede tutto questo. Io sorrido sempre, chiacchiero con tutti, mi prendo mille impegni, cerco di essere sempre gentile e disponibile, ho sempre la battuta pronta, cerco di sollevare il morale agli altri, di sostenere, di incoraggiare, ma dentro c’è un grande spazio vuoto.
La mancanza di un sorriso, di una voce, di uno sguardo. Non esiste tempo che possa colmare tutto questo e non sarebbe male se ogni tanto di questo si tenesse conto invece di pretendere sempre, di rispondere male, di dare per scontato, di attaccare gratuitamente. Non voglio sconti ne privilegi sul lavoro né nella vita, non li ho mai voluti, ma almeno che non mi si creino problemi random sarebbe carino. Ma ovviamente così non è. Pazienza. Ho imparato ad affrontare, a dissimulare, a ignorare, ad andare avanti comunque. Non bene ma “comunque”. Ho la forza della mamma, la sua dignità. Due delle cose che mi ha regalato. Finché ce la faccio va bene così. Poi vedremo. So a chi rivolgermi per un aiuto quando è necessario. Ma so anche farcela da sola quando serve.
Oggi è stato un giorno difficile e ce ne saranno altri. Ma spero possa arrivare qualcosa di bello anche per me e che lei, ovunque sia, lo sappia e lo veda.

Rientro – home sweet home

Ok, cena finita e piatti lavati, posso mettermi a scrivere il primo articolo post-mare. Il rientro è stato decisamente “caldo”.

IMG_20170804_161118

Un cane assetato

Sabato alle 11 eravamo a casa. Un viaggio di rientro tranquillo, zero code, tempo bello. Tutto ok quindi. Peccato che appena arrivati a casa ci siamo accorti che la temperatura era a dir poco eccessiva. Ammetto che casa nostra non aiuta visto che, proprio per come è stata fatta, non crea mai corrente d’aria. Per cui, anche se lasci tutte le finestre aperte… nulla. E non avendo ancora avuto la possibilità di investire in un impianto di condizionamento vi lascio immaginare la fornace in cui siamo entrati. Il cane sembrava che non bevesse da settimane, ma devo dire che anche noi eravamo abbastanza scioccati dal caldo. 😅😅😅

Bellissimi giorni

A parte questa piccola introduzione meteorologica… Veniamo a noi. È stato difficile tornare a casa. Lo è sempre, la fine delle vacanze non piace a nessuno. In questi giorni però sono stata davvero molto bene, cosa per nulla scontata quando si va via, e lo so molto bene. È quindi ancora più difficile lasciare un posto che ci ha dato serenità. Non era facile. Le vacanze sono state in forse fino all’ultimo, ma col senno di poi posso dire che abbiamo fatto la scelta giusta.

“Wow bellissimo”

IMG_20170731_210945

Ciò che ho preferito dei giorni trascorsi al mare sono state forse le serate in spiaggia. Non che si facesse chissà cosa, a volte una passeggiata, a volte fotografie, oppure semplicemente sedersi a guardare il mare. L’unico rumore concesso. Per me già questo è meraviglioso, non mi servono grosse cose per star bene. Chiaro che, davanti a quello spettacolo, il pensiero andava inevitabilmente alla mamma dato il suo grande amore per il mare. In altre situazioni le avrei mandato le foto e lei avrebbe risposto con “wow bellissimo” oppure con i cuori. E la mattina mi avrebbe detto “divertiti e fai un bagno anche per me”.

IMG_20170804_204758

Ieri sono stati sei mesi senza di lei. Non so dire se mi siano sembrati lunghi o veloci. Posso solo definirli assurdi e senza senso. Questa è la sensazione che ho ogni giorno dal 7 febbraio a oggi. Incredulità. Il mondo senza di lei è scarso di significato. Certo, tante cose e persone ci sono ancora, sono qui e sono importanti. Ma nessuno è lei. Nessuno sarà mai lei.

Ci risentiamo prossimamente quando riuscirò ancora a scrivere. Buona serata e notte! 😘😘🌙🌌