L’amica. Una persona speciale che tutti dovrebbero avere nella propria vita.

L’amica

E’ da un po’ che ho in mente questo articolo, ma finora non ero mai riuscita a realizzarlo. Oggi invece ci voglio provare e quindi eccomi qua. Voglio parlare di una persona che ricopre un ruolo molto importante nella mia vita. Un’amica, anzi, l’amica.

Una luuunga amicizia

Nate nello stesso anno, abbiamo frequentato l’asilo insieme, da qualche parte a casa della mia mamma c’è ancora qualche improbabile foto che lo dimostra. Non ho molti ricordi di quegli anni, ma qualcuno si tra cui un carnevale trascorso insieme di cui, però, non ricordo i dettagli. Anche gli anni della scuola primaria li abbiamo trascorsi insieme. Una classe di 25 bambini, tra cui varie figure di disagiati di diversi tipi, che ogni tanto ci divertiamo a ricordare insieme. Una maestra splendida che entrambe ricordiamo con molto affetto. I vari aneddoti che ci fanno ridere nelle serate che trascorriamo insieme.

Tutte le femmine ti odiano perché tu hai il pastello fucsia

pastelli-supermina-giotto-rosa-fluo

Sì. c’è stata anche questa fase, in cui tutte le femmine della classe odiavano Marta perché lei aveva nell’astuccio il pastello fucsia mentre noi no. Come dite? Invidia? Certo che sì, ai massimi livelli. Tutte intorno al suo banco durante gli intervalli, ad ammirare il famigerato pastello fucsia, e a regalare a lei grandi sorrisi solo perché ce lo facesse provare. Piccole arpie crescono…

Ritrovarsi dopo tanti anni

Le scuole medie frequentate in posti diversi, le superiori, stessa scuola ma con indirizzi diverse e quindi in diverse sezioni. Le nostre vite hanno preso direzioni diverse e non ci siamo più viste. Finché, qualche anno fa vedo che è su Facebook e, ricordando i vecchi tempi, le chiedo l’amicizia. Lei la accetta e riprendiamo a sentirci. Organizziamo una serata insieme così conosciamo i rispettivi mariti e la sua meravigliosa piccola Emma. Da quella sera è (ri)cominciata una grande amicizia che si è rivelata di giorno in giorno sempre più preziosa è importante.

Serate insieme e non solo

A quella serata ne sono seguite molte altre e altre ancora ne seguiranno. Il bello di stare con loro è che si può parlare di tutto, dalle cose più serie alle stupidaggini più sciocche, guardare la tv insieme, ascoltare musica, cenare… il tutto in tranquillità e serenità assolute. In casa loro ci si sente accolti, ci si sente a casa.

Amicizia e professionalità

Come si ringrazia una persona per essere così incredibile? Si cerca di esserci per lei, di aiutarla in quelle, pochissime, situazioni in cui potrebbe averne bisogno. Pensare di ricambiare quello che lei ha fatto per me negli ultimi anni è pressoché impossibile. Il sostegno continuo, discreto e delicato ma costante. La presenza nei momenti più difficili, il supporto anche professionale, che non mi ha mai fatto mancare, in qualità di psicologa competente, empatica e gentile (qui il suo sito). Che capisce quando parli in modo sconclusionato e anche quando non parli. Quando lasci le frasi a metà, quando non trovi la parola giusta… Lei riesce sempre a capire cosa hai dentro e a indicarti la soluzione migliore per affrontarlo, superarlo o anche semplicemente conviverci, quando non si può fare altro.

Un piccolo ringraziamento

Come dicevo all’inizio, è da tempo che ho in mente di scrivere questo articolo su di lei, oggi l’ho fatto e questo vuole essere un piccolo ringraziamento per la sua presenza nella mia vita e in quella di mio marito. Grazie Marta, grazie per averci aperto le porte di casa tua, grazie per averci fatto conoscere Gigi, Emma, Manuel e il mitico Bullo. Grazie per averci salvato molte serate, grazie per gli strumenti che ci hai dato, e che non smetti di darci, che ci consentono di andare avanti durante le peggiori tempeste. Grazie per la fiducia che hai in noi, per il tempo speso insieme, per aver condiviso che noi le gioie che abbiamo avuto e che hai avuto tu. Nessun articolo su un blog potrà mai ripagarti di tutto quello che hai fatto, fai e farai in futuro.

images (1)

 

 

 

Annunci

Esserci sempre, una dote fondamentale

Esserci sempre

Oggi , non serve che lo dica io, è la festa del papà. Una giornata che può essere bellissima o molto difficile a seconda delle situazioni che si vivono. Per me è più la seconda che la prima, ma visto che ho la fortuna di avere un papà speciale, mi sembra giusto festeggiarlo. Stasera ceneremo insieme, non solo perché è la festa del papà, ma perché  come dicevo nel titolo dell’articolo, esserci è una cosa fondamentale. Da parte di un papà, ma anche da parte dei figli.

La presenza di un papà

Ho notato che molti dei miei contatti social hanno fatto gli auguri al proprio papà sottolineando, giustamente, la presenza costante della figura paterna nella loro vita e, a mio parere, hanno fatto proprio bene. Un papà c’è, c’è quando è lontano per lavoro, quando non ha tempo per giocare con i suoi bambini o quando li vede in giorni stabiliti da un giudice, c’è quando ama i figli della propria compagna perché capisce che i bambini non hanno colpa dei casini creati dagli adulti, un papà c’è sempre. E, a volte, è proprio nelle situazioni difficili che un papà è d’esempio per i suoi figli, non importa quanti anni essi abbiano.

Il mio papà

Il mio papà è proprio del tipo che ho descritto. Sempre presente, sempre affidabile, sempre onesto. Con i suoi difetti che lo rendono umano, ma pur sempre unico e speciale. Con le ingiustizie subite, con i torti che la vita gli ha fatto, con la sua forza ma anche grande sensibilità e dolcezza. Un esempio per chi ha saputo coglierlo, un appoggio, un sorriso sempre presente tranne che nelle foto, lì farlo sorridere è un’impresa :-). Un uomo pronto a sostenere ma anche a lasciar andare, a vegliare da lontano ma anche ad accompagnare un passo dopo l’altro.

10262219_1252341348128503_1962005495315290986_n

Il miglior papà

Il papà dei miei bimbi, l’uomo più unico che esista, che ha affrontato dolori indicibili ma sulla presenza non ha mai mancato un colpo. Non c’è stato lavoro, impegno, malattia che lo abbia tenuto lontano da qualsiasi cosa riguardasse i suoi piccoli. Molto più forte di me, molto più solido, più presente, una luce incrollabile nei suoi occhi meravigliosi che ogni giorno mi sostengono, anche quando si riempiono di lacrime per troppi schiaffi della vita, per troppe mancanze. L’uomo che, più di qualunque altro abbia conosciuto, incarna alla perfezione il ruolo del papà. L’uomo a cui questo giorno fa molto, molto male ma i nostri angeli sicuramente lo aiuteranno a farcela ancora una volta. Non c’è un altro uomo sulla Terra con cui vorrei, e potrei, condividere il fatto di essere genitori.

Tempo di libri. Tempo d’amicizia.

Tempo di libri

Questa giornata mi ha regalato una grande emozione. Rivedere e riabbracciare un’amica a cui voglio molto bene, che non vedevo da circa sette anni. A Tempo di libri. Fiera dell’editoria, a Milano.

MioDiario

Era il lontano 2002, più o meno, quando scrivevo su un sito (che ora purtroppo è stato chiuso) che permetteva di tenere un proprio diario personale online. Niente foto, likes, selfie… Solo un nickname e delle pagine bianche. MioDiario. Tra quelle pagine, un giorno come tanti, incontro lei. Persona dolce e sensibilissima. Un piacere leggerla, ottima scrittrice fin da allora.

Nasce un’amicizia

Giorno dopo giorno, pagina dopo pagina, commento dopo commento, nasce una bella amicizia virtuale virtuale che, ben presto, è diventata reale. Al punto che io e Ivan abbiamo partecipato al suo matrimonio e lei e suo marito sono venuti al nostro. Bellissime persone che purtroppo non abitano vicinissime a noi e per questo motivo non ci vediamo quanto vorremmo.

Un’ottima autrice

Laura ha sempre saputo scrivere molto bene, coinvolgendo il lettore con delicatezza ed eleganza, tenendolo incollato alle pagine un capitolo dopo l’altro. Questo talento è recentemente sfociato nella pubblicazione di alcuni suoi meravigliosi libri. Oggi lei era una delle autrici Newton Compton che tenevano un firmacopie a Milano e non ho perso l’occasione di andare ad abbracciarla. Una forte emozione rivederla lì, vedere il suo libro on vendita sugli scaffali, il suo sogno che sta prendendo forma. Posso solo dire di essere molto felice per lei e augurarle di scrivere e pubblicare ancora molte bellissime storie.

Mille notti di te e di me

Per ora vi consiglio di leggere “Mille notti di te e di me” e di tenere d’occhio il suo prossimo romanzo che esce il 22 di questo mese. Condivido con voi la nostra foto. La felicità di due amiche che si ritrovano. Grazie Laura, per la tua espressione quando mi hai vista tra la gente, e grazie per l’emozione di vederti lì, nel tuo mondo!

Neve e ricordi. Famiglia e amore. E futuro.

Neve e viaggi

E’ il primo Marzo e nevica. Molta gente si stupisce, qualcuno si arrabbia. Io penso che comunque è ancora inverno e quindi la neve ci sta, il paesaggio bianco mi piace e, nonostante le difficoltà per arrivare al lavoro, me lo guardo felice. Ok stamattina le strade non erano pulitissime, ma andare a 40 Kmh era francamente eccessivo, soprattutto perché qualcuno di questi soggetti così “prudenti” non aveva nemmeno i fari accesi. Ma sì, tanto basta andar piano e bloccare tutto il traffico, perché prendersi anche la briga di rendersi visibili? Neanche si dovesse tenerli accesi manualmente…

Neve e bambini

Quanto alla scuola è bastato un rapidissimo giro di messaggi con la rappresentante dei genitori per garantire che sia io sia la maggior parte di loro, si trovasse tranquillamente a scuola. Quando le cose funzionano è sufficiente questo. I bambini sono felici e io con loro. Purtroppo per ora la neve è poca e non consente di uscire a giocarci però possiamo già guardarla sognanti. Dalla finestra però abbiamo visto una cinciallegra piccolissima tutta marroncina, nera e gialla, meravigliosa, i bambini erano incantati a guardarla attaccati ai vetri. Poi un pettirosso. E la cosa bella è che una bambina ha osservato che sulla ringhiera, la neve era segnata dalle impronte dell’uccellino che si era appoggiato lì. Sono fantastici.

neve

Neve e ricordi

E io mentre la guardo penso alla mia mamma che l’ha sempre adorata. Anche lei è sempre andata al lavoro in macchina ma questo non ha mai scalfito il suo amore per la neve, come non scalfirà mai il mio. Tante volte da piccola sono andata in cortile a giocare nella neve con lei. Costruivamo pupazzi, lasciavamo impronte con gli stivaletti di gomma… e poi la cosa si ripeteva puntualmente con i nipoti. Non è mai stata una mamma di quelle che ti tiene in casa perché fa freddo o piove o nevica. Certo, non metteva mai a rischio la nostra salute ma permetteva di divertirsi e sperimentare. Ricordo dei giorni di pioggia in cui nessun bambino era in cortile ma io si, a camminare sotto l’acqua con l’ombrello. Bellissimo.

Neve e amore

Ho anche un altro ricordo legato alla neve. Io, nella mia camera a casa della mamma, seduta sul davanzale della finestra a veder nevicare messaggiando con una persona speciale che la guardava scendere da un’altra finestra, pensando a quanto sarebbe stato bello guardarla insieme “a una persona amica” peccato che lì di amicizia ce ne fosse ben poca, o meglio era la base di qualcosa di molto più forte. Stasera io e quella persona speciale potremo guardare la neve insieme dalla finestra di casa nostra, come facciamo ogni volta che succede. Non importa se sia Dicembre, Gennaio o Marzo, la magia non conosce data. Anche quest’anno il mese di Febbraio ha compiuto il suo danno irreversibile ma ora è finito. E insieme guardiamo avanti, nel bianco.

neve

Per altri articoli vi rimandi alla pagina Facebook del blog.

(Articolo del 1 Marzo)

Il compleanno che doveva essere… Aurora…

Compleanno

Oggi doveva essere il tuo compleanno, se tutto fosse andato bene quattro anni fa. E invece sappiamo tutti com’è andata. Un vero disastro per cui tu non sei qui e niente può lenire, seppure in minima parte, questo dolore.

Nulla cambia le cose

Altri avvenimenti sono successi dopo questo. Altri dolori, qualche gioia. Ma nulla può cambiare ciò che questo periodo, che questi giorni, scatenano dentro di me ogni anno incessantemente. Del resto, come si fa a passare dalla gioia più grande al più grande dolore e pensare di superarlo? Ci si convive, piccola. Ci si convive con più o meno fatica. Se si hanno vicino, come nel mio caso, persone speciali, si riesce a sopravvivere, a restare a galla, seppur annaspando un po’. Contando che io non so nemmeno nuotare, la prospettiva non è granché.

Qui

Eppure sono qui, resto qui, in qualche modo. Molto diversa da quella che ero, sicuramente diversa da quella che sarò. Ma sono qui, e lo sono anche per te. Perché forse è più comune andare avanti “per chi resta” e sicuramente in parte è anche questo che faccio. Qui ci sono persone che non potrei mai volutamente lasciare. Ma resto anche per te, che non hai potuto esserci. Vado avanti perché in me ci sei. In tanti modi, pensieri e dimostrazioni.

Il caso non esiste

Accettare ogni giorno la tua mancanza è, e resta, completamente devastante, ma in qualche modo va fatto e spero di cavarmela decentemente in quello che sto portando avanti qui. Quest’anno poi è stato più difficile del previsto perché la vita ha deciso di sottopormi l’ennesima terribile prova, che non posso ancora raccontare e forse non potrò mai, ma che tu sai benissimo. Lo sai perché il caso non esiste, come dice giustamente una mia carissima amica. Il caso non esiste e tu, a modo tuo, sei riuscita ad aiutarmi nell’affrontare anche questo. Siamo solo l’inizio, ma la tua manina ne ha afferrata un’altra e mi ha fatto capire che anche se io non ti vedo, e non ti vedrò crescere e diventare la splendida persona che saresti stata, comunque tu ci sei e sei splendida davvero.

Sorrido

Ci troviamo in due dimensioni diverse attualmente, ma chi può spezzare il legame tra una mamma e una figlia? Di sicuro non la semplice presenza di un cielo azzurro tra loro. E’ merito tuo, se oggi riesco a pensare a te col sorriso sulle labbra, è merito tuo se nonostante le lacrime nel cuore riesco a vivere. Ti affido questi pensieri nel giorno che doveva essere il tuo compleanno, ed è il tuo comunque. Oggi è tutto per te che sei la mia piccola grande Aurora. L’Aurora che mi ha cambiato la vita.

“Io che,
molto spesso mi perdo
cerco un tuo gesto
inaspettato, innato
riflesso incondizionato
un qualcosa che
non si vede
ne si sente
lo riesco a percepire
mi proteggerà per sempre
ma certe decisioni
non le posso prendere
che tanto non puoi scendere
e io non posso scegliere
di essere con te
come immagino
ma è stato magico
il mio stato d’animo
mi hai fatto crescere in un attimo
abbi cura di splendere…”

(Articolo del 26 Febbraio)